Punizione di un gatto: 2 buoni metodi da adottare

Spread the love

 

Potresti non saperlo, ma il gatto è un animale che ha una buona memoria! È quindi inutile schiaffeggiandolo sulla mano altrimenti svilupperà paura e sfiducia nei tuoi confronti. Ecco delle buone abitudini da adottare per educarlo fin dalla tenera età.

Usa un fermo”NO”

Se beccate il vostro gatto mentre è concentrato ad  artigliare i vostri mobili, o fare pipì in luoghi poco consoni, fermate la sua azione in atto con un forte NO e con tono risoluto. Questo “NO” mirerà a sorprenderlo ed a  fermarlo. Il gatto comincerà pertanto ad abituarsi alle buone maniere molto presto durante il suo periodo di socializzazione.

Punisci un gatto sul fatto compiuto

Per punire un gatto, la sottigliezza è di rigore.  Rimprovera sempre il tuo gatto durante l’atto. Per fargli capire che non apprezzi il suo atteggiamento, mandagli un getto d’acqua usando un vaporizzatore. Puoi anche lanciargli un oggetto morbido ad esempio, un cuscino sul lato o da dietro. Il tuo gatto collegherà il tuo atteggiamento ad un’esperienza spiacevole e sarà immotivato all’idea di recidiva. I repellenti sono ottimi mezzi per dissuaderlo dall’attaccare altri luoghi come tappeti o mobili.

Se si comporta bene, congratulati e ricompensa il tuo piccolo compagno con una sorpresa.