Messaggi subliminali in canzoni famose

C’è qualcosa da dire per la curiosa arte delle band che nascondono messaggi nascosti e persino intere canzoni nelle loro registrazioni. Da quando i Beatles furono probabilmente i primi a introdurre l’idea alla fine degli anni ’60, alle accuse di messaggi malvagi nascosti nelle canzoni delle rock band degli anni Settanta; fino alla popolare tradizione degli anni ’90 di nascondere tracce nascoste alla fine del tempo di esecuzione di un CD – è sempre stato un fenomeno particolarmente fisico.

È anche qualcosa che è più difficile da raggiungere nell’era digitale, quindi siediti e divertiti mentre scopriamo le storie e i messaggi nascosti più interessanti, le cose segrete e non così segrete che i musicisti hanno tentato di seppellire.

Guns N ‘Roses -‘ Look At Your Game Girl ‘

Mentre le tracce nascoste sono una mossa di sinistra per qualsiasi band, coprire una canzone di un assassino condannato e un leader di culto va oltre la contraddizione. Ma è esattamente ciò che i Guns N ‘Roses hanno fatto con “Look At Your Game Girl”, scritto da Charles Manson, che è apparso nascosto nel loro album del 1993  The Spaghetti Incident ; e sembra quasi sbagliato dirlo, ma l’originale è migliore.

Led Zeppelin – ‘Stairway To Heaven’ 

Nel 1982, un programma televisivo americano affermava che i messaggi nascosti erano contenuti in molte famose canzoni rock attraverso una tecnica chiamata mascheramento all’indietro. L’esempio citato era “Stairway To Heaven”, che secondo lo spettacolo includeva riferimenti satanici. Il presunto messaggio appare durante la sezione centrale della canzone (“Se c’è un trambusto nella tua siepe …”). Che molto liberamente tradotto in: “Oh, ecco la mia dolce Satana. Quello il cui piccolo sentiero mi renderebbe triste, il cui potere è Satana. Darà quelli con lui 666. C’era un piccolo deposito di attrezzi in cui ci ha fatto soffrire, triste Satana. ”

You Am I – ‘Forget It Sister’ 

Ampiamente considerato uno dei migliori album australiani di tutti i tempi,  Hourly, Daily  è un tour tentacolare della periferia di Sydney attraverso gli occhi del laconico Tim Rogers. Uno dei momenti salienti dell’album è la traccia nascosta, “Forget It, Sister”, che arriva dopo pochi minuti di silenzio seguendo il più vicino, “Who Takes Who Home”. Inaspettatamente, Rogers interviene con “good morning baby” portando il disco al primo posto e aprendo “Good Mornin” – un’ode alla radio della colazione.

Prova il software che realmente, con pochi passaggi, potrà cambiare totalmente la tua vita. CLICCA QUI e prendilo ORA!

Nirvana – ‘Endless, Nameless’ 

Il richiamo nichilista di questa traccia nascosta, sepolto nell’iconico Nevermind della band grunge per  eccellenza,  mette in mostra l’amore di Kurt Cobain per le dinamiche di stile dei Pixies, ma senza il suo solito interesse per il melodicismo pop puntuale. Invece è uno schianto e un colpo di distorsione senza tuniche e strilli febbrili di assurdità. Se “Smells Like Teen Spirit” ha fatto irrompere Nirvana nel mainstream, “Endless, Nameless” ha ricordato a Kurt e co. c’erano ancora ribelli rumorosi nel cuore.

The Beatles – ‘Sua Maestà’ 

A completare la Abbey Road del 1969   c’è “Her Majesty”, un film di Paul McCartney che appare 14 secondi dopo “The End”, l’ultima canzone dell’album elencata. A meno di 30 secondi, non c’è molto da fare – sono solo Paul, la chitarra acustica, una bella melodia vocale e alcuni testi divertenti tra cui “Sua maestà è una ragazza molto carina / ma non ha molto da dire  . In effetti, ai Fab Four viene spesso attribuito il merito di aver inventato il fenomeno delle tracce segrete, con il collage sonoro alla fine di  Sgt. Pepper’s  che gira all’infinito su lettori in vinile.

The Jam – “English Rose” 

Mentre Paul Weller trascorreva gli anni ’80 godendosi il suo nuovo lato femminile con The Style Council, non era sempre così a suo agio con tali manifestazioni esteriori di sensibilità. Così prosegue la storia di “English Rose”, una bellissima ballata acustica che compare sul lato uno dei All Mod Cons del 1978  . Mentre suona in modo convenzionale come traccia quattro su tutte le copie del disco, la sua oscurità è dovuta al fatto che né il titolo della canzone né i testi sono stati stampati sulla copertina perché Weller credeva che fosse troppo personale.

Sfocatura: “Io, rumore bianco” 

La traccia nascosta dall’ultimo album in studio dei luminari Britpop prima della loro pausa, il Think Tank del 2003 , ricorda uno dei loro più famosi collaboratori, la voce dietro “Parklife” e l’icona della mod, Phil Daniels. Intitolato ‘Me, White Noise’, la canzone appare nel pre-gap (la porzione di audio prima della traccia uno). Dopo quasi sette minuti, Damon Albarn sputa ghiaia su un ritmo di ballo di mezzanotte. Quelli disperati per le rarità di Blur farebbero bene a dare un’occhiata.

Mark Oliver Everett e il suo corredo musicale hanno avuto un piccolo successo nel 2000 con “Mr E’s Beautiful Blues”, raggiungendo il numero 11 nella classifica dei singoli nel Regno Unito. Il singolo principale del loro terzo disco,  Daisies Of The Galaxy , la band ha lanciato una palla curva lasciandola fuori dalla tracklist delle stampe originali dell’album. Ciò significa che la canzone potrebbe essere la traccia nascosta di maggior successo commerciale di sempre. Roba subdola.

Prova il software che realmente, con pochi passaggi, potrà cambiare totalmente la tua vita. CLICCA QUI e prendilo ORA!